Charter Scuola di Pesca Excalibur

Solo l'iscrizione al noleggio permette ai nostri clienti di essere assicurati quando sono a bordo!

Iscrizione C.C.I.A.A. n. Li 62968

Iscrizione Capitaneria n.1/10

Ordine dei Giornalisti n.071438

Charter Scuola di Pesca Excalibur

Nella scelta del charter visionate bene le foto della barca e come è attrezzata per i vari tipi di pesca, questo fa la differenza

Scuola, di Pesca Excalibur

Mulinelli e canne al top per la traina e per il drifting al tonno

Charter Scuola di Pesca Excalibur

Nuovi filmati sul canale 808 di SKY
photo






Se avete voglia
di pescare contattateci allo
0565 222276
347 8648871

Scuola di Pesca Excalibur

Se vuoi passare una bella giornata a pesca affidati ad un istruttore federale Master di scuola di pesca FIPSAS (CONI)

Charter Scuola di Pesca Excalibur

Guarda i filmati su youtube, così puoi vedere i tipi di pesca che possiamo fare durante la giornata

Scuola di Pesca Excalibur

per raggiungere le poste di pesca il ritrovo è la mattina presto dalle 5,00 alle 6,00

Charter Scuola di Pesca Excalibur

Nella 
pesca c'è sempre da 
imparare qualche trucco, qualche tecnica nuova, i pesci sono sempre 
in evoluzione.

Charter Scuola di Pesca Excalibur

A pesca con Excalibur ci 
si diverte sempre! 
Trovi esperienza  simpatia e attrezzature al top

Scuola di Pesca Excalibur

Se vuoi passare una bella giornata a pesca affidati ad un istruttore federale Master di scuola di pesca FIPSAS (CONI)

Charter Scuola di Pesca Excalibur

Guarda i filmati su youtube, così puoi vedere i tipi di pesca che possiamo fare durante la giornata

Scuola di Pesca Excalibur

per raggiungere le poste di pesca il ritrovo è la mattina presto dalle 5,00 alle 6,00

Charter Scuola di Pesca Excalibur

il pescato viene diviso fra tutti dal comandante


 

                     



Diamoci all'...a traina è meglio!!

 Quando la pesca aDentice_kg_6,5l tonno è chiusa per farci un buon "carpaccino" bisogna  insidiare dentici e ricciole,  allora diamoci alla traina che forse ci darà qualche soddisfazione in più . Per questi due pesci l'esca principe è sicuramente il calamaro vivo che va catturato la sera prima o meglio la mattina appena albeggia, quindi bisogna alzarsi molto presto e iniziare a trainare con le totanare a buio fino al massimo alle ore 7,30/8,00 dopo è difficile fare catture, anzi se abbiamo qualche esca è bene iniziare a trainarle perchè i dentici iniziano la caccia.. 
Si può utilizzare anche l'aguglia viva, che si pesca un po' a tutte le ore specie vicino alla scogliera del porto, sia con la piuma, la meciuda, ma ancor meglio con il coreano o con il verme di terra vivo innescato con uno o due ami su un terminale del 18 o 20. Per insidiare questi dentici e ricciole va bene un calamento di 10/12 metri per il calamaro e 15/18 per l'aguglia dello 0,50/060 con 
un piccolo Dentice_10_kgraddoppio di cm.30/40 dove sono gli ami, uniamo quindi il calamento alla lenza madre con una piccola girella dove agganceremo il piombo guardiano e via verso il fondo a cercare le nostre prede preferite.La velocità sarà di un nodo/ un nodo e mezzo. Le poste vicine più proficue sono l'isolotto di Palmaiola, Cerboli, 
la secca di Capo della Vita e la secca di Mezzo Canale tra Salivoli e Palmaiola, sono da preferire le cigliate sui 25 metri e le cadute del fondale fino ai 40 metri, quindi per raggiungere queste profondità occorre un piombo guardiano da 400 a 500 grammi ed è meglio se si pesca con la canna in mano sia per sondare il fondo sia per una ferrata decisa in caso di abboccata.





                            La velocità

Se la nostra barca al minimo non riesce a scendere sotto i 3 nodi, dobbiamo montare un piccolo fuoribordo che ci permetta comunque di manovrare anche con un po' di vento ed onda, oppure si può rallentere con due secchi grandi disposti a poppa, Dentice_e

uno per lato , meglio una o due ancore galleggianti, dipende tutto dalla grandezza della barca. Se l'ancora galleggiante è grande va legata di poppa, dal lato che ci permette di manovrare a destra e sinistra, perchè altrimenti la barca girerà solo da un lato, basta provare.


                          Gli artificiali


Se invece siete amanti della traina con l'artificiale,  settembre e ottobre è il periodo buono per tombarelli e lampughe e le catture non mancheranno. 
Le esche migliori Ricciole_Denticeda utilizzare sono i pesciolini finti da 7 a 9 centimetri della Yo Zuri, polpetti in gomma con testa in metallo e non, e l'intramontabile piuma bianca. I pesciolini riescono a tenere velocità fino ai 5 nodi specie se piombati, mentre per gli altri si può arrivare anche agli 8 nodi, comunque a secondo delle condizioni del mare si traina di solito da 4 a 
6 nodi. Per la cattura 
di questi pesci l'assetto minimo di pesca è con tre canne, una centrale più vicina eventualmente piombata a 10 Denticemetri dalla poppa proprio nella turbolenza dell'elica e le altre due laterali a 20 e 30 metri. Se la barca lo permette si calano anche più canne 6-8-10, partendo dai 5 e 7 metri e le altre ad aumentare fino a 40 e 50 metri dalla poppa, se poi abbiamo dei divergenti il compito è più semplice, l'importante però è che le lenze abbiano diverse angolazioni sull'acqua questo faciliterà le curve senza intrigare. Di solito quelle vicine a poppa si "pinzano" in basso con le Stonfo o con un elastico. A questo punto basta mettere in moto e partire.

Spigola_a_traina
Alletterato
















Mulinelli_2


                                      -------------------

Ecco l'articolo che scrissi su Pesca in Mare dopo l'esperienza dei 
mondiali in Senegal


                      I Vela di Dakar


Nazionale_Azzurra_A_e_B



















                          ( Nazionale Azzurra A e B )

Si sono svolti dal 22 al 28 giugno 2003 a Dakar, capitale del Senegal, i campionati mondiali di big game dove hanno partecipato con due squadre ufficiali Italia, Senegal, Germania, Inghilterra, Francia, Spagna, Portogallo, mentre con una squadra la Svizzera e Sud Africa, mancavano Egitto, Namibia.
Le catture sono state moltissime con diversi pesci vela imbarcati, ma ancor più numerosi sono stati quelli rilasciati, per scelta dell'equipaggio o perché di peso inferiore ai kg.20, impressionante il numero di toccate sulle esche andate a vuoto. La taglia dei pesci pesati variava da 22 a 32 chili, mentre 35 chili è risultato il pesce più grosso della manifestazione.

   Tecniche di pBetulla_rilascia_il_velaMaurizio,_Bet_e_Robyesca

 

                                                  

Subito dopo la partenza le imbarcazioni si dirigevano su delle poste conosciute per fare il vivo, con l'ausilio dello scandaglio lo skipper individuava il banco dei pesci e si calavano immediatamente le mitragliette o sabiki alla profondità migliore, le catture si susseguivano a raffica ma non sempre erano alaccie, si catturavano sugarelli, sgombri e lecce stella.

Soltanto le alaccie e i sugarelli erano tenuti a bordo nella vasca per il vivo, gli altri venivano rilasciati perché non buoni per la traina a 2-3 
nodi e devo dire che anche il sugarello resisteva poco a questa velocità 
e andava sostituito spesso, mentre l'alaccia era perfetta!

Appena si raggiungeva le 30 - 40 esche si partiva per la zona dei vela che era situata a circa 15-20 miglia a sud-ovest di Dakar, sulla batimetria dei 35-50 metri, dove comunque si trovava acqua blu. Sulla batimetria dei 100 invece si poteva incontrare il marlin ,ma non c'è 
stata nessuna cattura anche perché con la lenza da 16 libbre era una cattura difficile a meno di incontrare un esemplare di piccola taglia.

VelaTutti i team hanno perciò insidiato il pesce vela con due tecniche di pesca: traina con la"flappette" cioè con il ballyhoo o con l'alaccia morta con o senza gonnellina, cuciti al terminale e trainati a velocità di 5/6 nodi, oppure la traina con l'alaccia viva , e trainata da 2 a 4 nodi, questa tecnica ha portato molti strike ed è risultata la più catturante

                  Assetto di pesca

Con il morto si poteva pescare con 2 canne sui divergenti calate a 25 e 30 metri e due canne sulla poppa calate appena dietro i teaser, mentre con il vivo si pescava con tre canne, con quella di poppa in posizione centrale, che per onor di cronaca, nell'arco dei tre giorni di gara, ha avuto più attacchi delle altre laterali. Infatti il vela richiamato dai teaser e dalla schiuma delle eliche si avventava di solito sull'esca centrale, poi dopo     sulle laterali, se in coppia si aveva un doppio strike.                                                      
                                                                                                   
In questa pesca importantissima è la regolazione della frizione che deve risultare leggera e quasi su free con o senza cicalino inserito, in quanto il pesce non deve sentire nessuna trazione contraria nel momento che attacca Un_bel_velal'esca, ed anche la regolazione della pinza sul divergente deve essere morbida e aprirsi al primo colpo di rostro.

Un accorgimento utile per salvaguardare le lenze sottili è di mettere tra la pinza e la lenza un elastico.




Quando il vela si avvicina per prima cosa l'esca salta fuori dall'acqua impaurita e mette in allarme l'equipaggio, comunque lo skipper dall'alto è sempre il primo a vederlo, a questo punto bisogna mantenere la calma ,ma non sempre è facile, perchè vedere il rostro o la pinna uscire fuori dall'acqua con lo skipper che ti urla:- Due, due Espadon - e qualche volta anche:-True, true Espadon - tenere i nervi saldi non è facile.

Italia_A





















Gerard_Depardieu_con_Italia_A_e_Senegal_ALa pinza si sgancia ed è già un'emozione forte, quindi si toglie la canna dal portacanne e se la lenza va via, a questo punto viene il bello! Ci sono diverse opinioni tra i pescatori: si conta fino a tre, fino a 9 o più, oppure si va per istinto, si chiude la frizione, si alza    
la canna
 Mau_e_Betullaper ferrare una volta o più, ma comunque spesso il pescatore rileva l'esca di bocca al vela che non si è bucato,ed è necessario quindi riaprire subito la frizione e cedere lenza, perché se l'esca è rimasta sull'amo, il rostrato attacca di nuovo l'alaccia infuriato e questa volta non si può sbagliare perché non ci sarà un'altra opportunità.

Se invece dopo lo sgancio della pinza la lenza non parte e va in bando, vuol dire che il vela ha si l'esca in bocca ma è interessato anche ad un'altra esca quindi con calma ( se ce la fate!) si recupera la lenza per metterla in tensione e poi ferrare decisi. Spesso possiamo avere delle allamate multiple, come è successo anche a noi, che per ben due volte abbiamo combattuto due vela contemporaneamente portando a termine le catture.

Comunque in questa pesca ci sono diverse ferrate a vuoto e se si riesce a catturare il 50 per cento dei pesci abbiamo una buona media.

Un_vela_imbarcato



















Nella tre giornate di gara abbiamo fatto il 13° con un solo vela rilasciato, nel giorno del master il 5° con due vela: uno in 7 e l'altro in 9 minuti, il terzo giorno 2° posto con due vela imbarcati e sei rilasciati. Piazzamento finale sesti e ottava Italia B, che ci ha permesso di essere terzi a squadre dopo Senegal e Francia. 


Senegal_A_1-_Italia_A_2_di_giornata



















E' stata una bellissima esperienza per tutti i componenti della nazionale e sicuramente dopo tutte queste catture e quelle del trofeo Rolex-Igfa, effettuato dopo i mondiali, a qualcuno verrà proprio la voglia di farsi un bel viaggio di pesca in Senegal perché di vela ce ne sono davvero tanti!!

... un ringraziamento particolare alla Federazione Italiana Pesca Sportiva e a Marco Pisacane, vice presidente settore mare, che ci ha accompagnato, e a tutti coloro che hanno contribuito alla buona riuscita della partecipazionPremiazionee a questi mondiali.
 


















                                                       -----------------------

    Home      Biografia       Periodi            Tonno - Spada          Squalo volpe       

      Orata           Pancera in Carb            Attrezzature          Foto ricordo


 
                http://www.exkalibur.it     http://www.italcanna.com     http://www.alutecnos.it

            Copyright Foto Maurizio Miliani. Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti e foto
  Site Map